Consigli e supporto sui temi della salute
 

I medici come si curano?

marmellata23 7 Ott 2017 13:03
Yersinia 7 Ott 2017 18:23
marmellata23 wrote on 07/10/2017 13:03:
>
http://zapping2017.myblog.it/2017/10/07/medicina-le-cure-che-i-medici-non-farebbero-mai-e-poi-mai-su-loro-stessi-chiediamoci-perche/
>
>
>
> I medici predicano male e razzolano bene...

Hai controllato da fonti indipendenti che i medici citati dal Dott.
Prof. zapping2017 esistano veramente? O se esistano e quanti siano i
medici di parere opposto?

La tua vantata ultradecennale esperienza di lettore di *****ate, su
cui affermi di basare i tuoi giudizi scientifici, non ha bisogno di
ulteriore esercizio. Lascia perdere.
LoStaff. 7 Ott 2017 18:51
On Sat, 7 Oct 2017 13:03:24 +0200, marmellata23 <no_spam@yahoo.it> wrote:

>I medici predicano male e razzolano bene...

C'e' anche di peggio ! La maggioranza dei medici non farebbe chemioterapia !

Alcuni scienziati di stanza presso il McGill Cancer Center (McGill University,
Montreal, Canada) nel 2005 inviarono a 118 medici, esperti di cancro ai polmoni,
un questionario per determinare quale grado di fiducia essi nutrissero nelle
terapie che applicavano. Fu loro chiesto di immaginare di aver contratto essi
stessi la malattia e quale delle sei attuali terapie usate avrebbero scelto.

Risposero 79 medici, 64 dei quali non avrebbero acconsentito a sottoporsi ad
alcun trattamento che contenesse Cisplatino - uno dei comuni farmaci
chemioterapici che applicano - mentre 58 dei 79 reputavano che tutte le terapie
in questione fossero inaccettabili, a causa dell'inefficacia e dell'elevato
grado di tossicità della chemioterapia".

Philip Day, "Cancer: Why We're Still Dying To Know The Truth", Credence
Publications, 2000.

"Non vi è alcuna prova che per la stragrande maggioranza dei casi la
chemioterapia prolunghi le aspettative di sopravvivenza. Questa è la grande
menzogna su tale terapia, cioè che esista una correlazione fra la riduzione
del
tumore ed il prolungamento della vita del malato".





--
LO Staff - www.curenaturalicancro.com
lostaff-info@doctor.com
Leonardo Serni 7 Ott 2017 19:05
On Sat, 7 Oct 2017 13:03:24 +0200, marmellata23 <no_spam@yahoo.it> wrote:

>http://zapping2017.myblog.it/2017/10/07/medicina-le-cure-che-i-medici-non-farebbero-mai-e-poi-mai-su-loro-stessi-chiediamoci-perche/

Articolo interessante, da leggere attentamente e da rifletterci sopra.

Chi ne concludesse "Queste medicine vanno evitate!" avrebbe totalizzato circa
uno su tre: s'è interessato, ma non ha letto attentamente e non ha riflettuto
bene su cosa c'era scritto.

Che è un po' come leggere la ricetta degli spaghetti alla carbonara, mangiare
la sola pancetta cruda e concludere "Mh, non è tanto buona questa carbonara".

>I medici predicano male e razzolano bene...

Non è vero, almeno secondo il tuo articolo. Prendiamo il primo esempio:

La Dott.ssa Joanna Moncrieff è senior lecturer in psichiatria al
London University College ed autrice di “The Myth Of The Chemical
Cure” (Il Mito delle Cure Chimiche).

Lei predica che gli antidepressivi facciano male, e non li prescrive. Predica
esattamente quello che razzola.

Se mai, c'è da dire che "depressione" è una di quelle parole come "tumore", o
"morte": descrivono un sintomo, NON una causa. Così, all'interno della stessa
descrizione, una medesima "cura" può avere effetti opposti: così, ad esempio,
l'acqua cura la morte di sete, ma causa la morte per annegamento.

Gli antidepressivi modificano la chimica del cervello, e questo lo dice - per
l'appunto - la stessa Moncrieff. Ora, è possibile che QUALUNQUE modifica alla
chmica del cervello, possa solo peggiorare QUALUNQUE forma di depressione? Il
pensarlo mi sa di pessimismo cosmico.

Quello che dice sempre la Moncrieff è verissimo se si premette "a volte", "in
certi casi":

Ovviamente ci sono alcune persone che sono depresse senza un motivo
apparente, ma comunque non c’è evidenza che essi soffrano di una
malattia cerebrale

(perché in altri casi l'evidenza c'è eccome! Googla 'fMRI depressione').

Quel che dice la Moncrieff ha varie implicazioni interessanti che però, messe
come fa l'articolo, uno si perde:

a) la chimica non dovrebbe essere la prima cosa da tentare
b) il medico deve accertare bene se è il caso di usarla, e QUALE
chimica usare (perché anche "antidepressivo" non significa
granché: descrive un sintomo, non la causa)
c) la chimica, anche laddove funziona, non deve essere vista come
il rime***** unico, ultimo e definitivo

===

Anche il secondo, Kevin Channer, fa lo stesso discorso:

«Le statine hanno avuto un grande effetto nel ridurre il numero
di attacchi cardiaci e infarti ed ora c’è una certa tendenza a dare
a tutti queste pasticche che abbassano il colesterolo; ma io non ne
assumerei nemmeno una senza avere la prova che sono sotto forte
rischio: ogni volta che si prende un farmaco, bisogna pensare a rischi
e benefici.

Che dire, se non che è Vangelo? Ma leggendo solo i titoletti uno penserebbe a
evitare le statine come la peste.
Invece, Channer sta ripetendo il punto (b) del caso precedente. Nell'articolo
non si parla del punto (c), che è vita sana e alimentazione equilibrata.

===

Il terzo caso è obsoleto, perché all'inizio pareva che il test PSA avesse una
specificità e una potenza diagnostica assai rilevanti. Poi s'è capito che non
era così:

Purtroppo però il test PSA iniziò ad essere usato per la diagnosi
del cancro alla prostata. Questo è stato un grosso errore.
...
Mi sottoporrei ad un test PSA solo dopo un trattamento per un cancro
alla prostata o a scopo diagnostico in combinazione con altri test

Oggi, è difficile trovare un medico con un'opinione diversa, ma se vi succede
date retta a Gandalf: "Scappate, sciocchi!"

===

Il Chirurgo ortopedico che evita i raggi X

Ho saltato l'esempio precedente, perché sto per finire, e voglio chiudere col
botto; l'esempio saltato lo metto qua sotto.

Il titoletto sembra indicare che il dr. Walker eviti come la peste i raggi X,
sempre e comunque. Ma non è affatto vero: li evita quando, secondo lui, hanno
poca o nulla utilità.

«Troppo spesso, i pazienti vanno dal loro medico perché hanno dolori o
sentono rigidità... [in questo caso] a meno che non ci siano sintomi
allarmanti di artrite – come dolore costante o notturno – io eviterei
di far fare delle ra*****grafie.

Una cosa ganza che dice e che mi servirà nell'esempio successivo:

la cosa migliore è fare del movimento. Le giunture amano il movimento,
quello che le danneggia sono la corsa ed i salti ma camminare, nuotare
ed andare in bicicletta riducono effettivamente il dolore e la
rigidità e rallentano il manifestarsi dell’artrite
===

Un Professore che dice che l’attività fisica, da sola, non basta

E' ovvio che "attività fisica" non significhi niente: deve essere del tipo, e
nella quantità, adatta alla persona e al suo quadro. Deve anche essere adatta
alla sua psicologia e modo di vita perché se no semplicemente uno si annoia e
smette.

Ma se mettiamo l'attività fisica fra le dieci cose che i medici mai farebbero
(che è quello che dice il titolo) facciamo un grosso torto sia ai medici, sia
all'attività fisica.

Questo esempio è quello che meglio di tutti illustra il mio punto, e cioè che
chi ha scritto il titolo è una TESTA DI LEGNO. E per chi avesse appena tratto
un sospiro di sollievo, specifico... legno sì, ma dall'albero del ******* [1].

Leonardo

[1] siccome so un po' come funzionano i giornali anche online, scommetterei a
occhi chiusi che Chloe Lambert ha scritto l'articolo, e poi qualcun altro
ci ha messo il titolo. "Ma è quasi il contrario del mio articolo!" magari
si sarà lamentata la Chloe. "Che ******* ti frega? Col tuo titolo da
*******
non avremmo avuto neanche i click dei vecchi arterio. Con il MIO titolo e
la foto che ammicca ad Ashley Madison, vedi se non diventa virale!"

--

Ya se escucha sonar la metralla, ya el clarín toca fuego graneado:
ahora o nunca, muchachos arriba a acabar a estos hijos del diablo.
Leonardo Serni 7 Ott 2017 19:23
On Sat, 07 Oct 2017 18:51:54 +0200, LoStaff . <lostaff-info@doctor.com> wrote:

>On Sat, 7 Oct 2017 13:03:24 +0200, marmellata23 <no_spam@yahoo.it> wrote:

>>I medici predicano male e razzolano bene...

>C'e' anche di peggio

Ecco, tu per dire hai totalizzato zero su tre :-D

Leonardo

--

Ya se escucha sonar la metralla, ya el clarín toca fuego graneado:
ahora o nunca, muchachos arriba a acabar a estos hijos del diablo.
marmellata23 7 Ott 2017 19:33
On Sat, 7 Oct 2017 18:23:05 +0200
Yersinia <yersinia@nothanks.org> wrote:

> marmellata23 wrote on 07/10/2017 13:03:
>>
http://zapping2017.myblog.it/2017/10/07/medicina-le-cure-che-i-medici-non-farebbero-mai-e-poi-mai-su-loro-stessi-chiediamoci-perche/
>>
>>
>>
>> I medici predicano male e razzolano bene...
>
> Hai controllato da fonti indipendenti che i medici citati dal Dott.
> Prof. zapping2017 esistano veramente? O se esistano e quanti siano i
> medici di parere opposto?
>
> La tua vantata ultradecennale esperienza di lettore di *****ate, su
> cui affermi di basare i tuoi giudizi scientifici, non ha bisogno di
> ulteriore esercizio. Lascia perdere.

Posso portare a corroborazione di quanto affermato la mia personale
esperienza? Ebbene si', "fate come fanno ma non fate come dicono..."


--
marmellata23 <no_spam@yahoo.it>
Yersinia 7 Ott 2017 19:47
marmellata23 wrote on 07/10/2017 19:33:

> Posso portare a corroborazione di quanto affermato la mia
> personale esperienza?

Se hai esperienza documentabile nella cura di qualcosa di serio sì,
altrimenti stai sparando *****ate che valgono quanto quelle di "zapping".
Yersinia 7 Ott 2017 20:01
LoStaff. wrote on 07/10/2017 18:51:
> On Sat, 7 Oct 2017 13:03:24 +0200, marmellata23
> <no_spam@yahoo.it> wrote:
>
>> I medici predicano male e razzolano bene...
>
> C'e' anche di peggio ! La maggioranza dei medici non farebbe
> chemioterapia !



Buffoncello, la maggioranza dei medici non si curerebbe il cancro
col bicarbonato, e non si affiderebbe al pluripregiudicato ex Dott.
Simoncini per un callo.


https://medbunker.blogspot.it/p/la-cura-simoncini-non-cura-nessuno.html
marmellata23 8 Ott 2017 08:14
On Sat, 7 Oct 2017 20:01:47 +0200
Yersinia <yersinia@nothanks.org> wrote:

> LoStaff. wrote on 07/10/2017 18:51:
>> On Sat, 7 Oct 2017 13:03:24 +0200, marmellata23
>> <no_spam@yahoo.it> wrote:
>>
>>> I medici predicano male e razzolano bene...
>>
>> C'e' anche di peggio ! La maggioranza dei medici non farebbe
>> chemioterapia !
>
>
>
> Buffoncello, la maggioranza dei medici non si curerebbe il cancro
> col bicarbonato, e non si affiderebbe al pluripregiudicato ex Dott.
> Simoncini per un callo.

Anche Galileo non se la e' passata bene. Le streghe poi le
hanno messe al rogo perche' disturbavano il business dei
monaci, monopolisti delle erbe mediche (poco allucinogene). Sottovaluti
il bicarbonato. Io sono convinto che hanno messo sotto gli occhi di
tutti in bella evidenza dalla notte dei tempi i rimedi piu' efficaci
per i problemi degli umani e al prezzo piu' economico che piu' non si
puo'. Troppo facile per essere vero pensano in molti: vuoi mettere il
cisplatino che costa un botto? Anche mia moglie se un bel
vestito costa poco non lo compra. Gli ho suggerito a volte
di dare un'offerta aggiuntiva alla cassa pur di farlo
comprare. Bicarbonato, acqua ossigenata, magnesio, bicarbonato di
potassio... Ne faccio ampio uso e te li consiglio. Informati sulle
proprieta'.


--
marmellata23 <no_spam@yahoo.it>
Yersinia 8 Ott 2017 18:34
marmellata23 wrote on 08/10/2017 08:14:

> Anche Galileo non se la e' passata bene.

E questo dimostrebbe che la terra è ferma? Con questo parallelo ad
minchiam vorresti dare a intendere che le condanne di Simoncini
dimostrano che il bicarbonato cura il cancro? Sei pagato dalle
multinazionali del bicarbonato?


> Sottovaluti il bicarbonato.

Al contrario, non sai quante gare di rutti ci ho vinto in gioventù.

> Anche mia moglie se un bel vestito costa poco non lo compra.

Fa benissimo, vale sempre il teorema di Vanna Marchi: i soldi fermi
in tasca ai gonzi frenano l'economia, e tu sei un gonzo.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Consigli e supporto sui temi della salute | Tutti i gruppi | it.salute | Notizie e discussioni salute | Salute Mobile | Servizio di consultazione news.